Novembre 16, 2023

Come pubblicare un libro su Amazon: la guida completa (seconda parte)

Introduzione

Nella prima parte di questa guida hai compiuto il primo passo per pubblicare il tuo libro su Amazon: abbiamo visto insieme come creare un account Amazon KDP step-by-step.

In questa seconda parte ci addentreremo nella parte più editoriale e più tecnica, ricca di argomenti da esplorare: come caricare e pubblicare il tuo libro.

Alla fine di questo articolo avrai visto tutti i passaggi per caricare correttamente un libro cartaceo (il cosiddetto “paperback”) su Amazon KDP. Imparerai come ottimizzare tutti i passaggi per non avere intoppi e per essere subito presente sul mercato con la massima visibilità possibile.

Crea il tuo paperback

Dopo aver eseguito il login al tuo account Amazon dovresti trovarti automaticamente nella pagina principale, dove vedrai anche i libri che hai pubblicato. Se così non fosse, clicca su “Libreria”. Poi clicca su “+ Crea”.

Amazon ti propone diverse possibilità:

  • ebook
  • libro con copertina flessibile (qui chiamato “libro cartaceo”)
  • libro con copertina rigida
  • pagina della collana (se abbiamo pubblicato più libri che vogliamo raggruppare in una collana)

In questo caso scegliamo “Libro cartaceo”. Vedrai che una volta compilati tutti i metadati (cioè le informazioni relative al libro) sarà più facile e automatizzata anche la creazione dell’ebook.

Tre sezioni

Amazon suddivide la compilazione dei dati del tuo libro in tre sezioni:

  • Dettagli versione cartacea: i dati basilari come titolo e autore, ma anche le info fondamentali per guadagnare la giusta visibilità su Amazon, come la descrizione nella scheda prodotto (diversa dalla quarta di copertina), le categorie e le keywords;
  • Contenuto versione cartacea: qui scegli il tipo di carta e inchiosto e il tipo di copertina, e caricherai i file del testo e della copertina;
  • Diritti e prezzo versione cartacea: scegli in che mercato distribuirlo e il prezzo di copertina.

Vediamole nel dettaglio, come se li compilassimo insieme passo dopo passo.

Dettagli versione cartacea

Lingua

La prima informazione che ci viene richiesta è la lingua in cui è scritto il libro.
Nel tuo caso probabilmente sarà l’italiano, ma se dovesse essere un’altra lingua dovrai solo selezionarla dal menù a tendina.

Titolo

In questo campo dovrai inserire il titolo. Come vedi puoi scegliere di apporre anche un sottotitolo. Non sottovalutare questa scelta. Può essere molto utile per specificare meglio l’argomento del libro o il genere. È utile quindi soprattutto nella non fiction, ma ti può servire anche nella fiction. In tal modo il lettore comprende subito di cosa tratta il testo e può essere invogliato ad approfondire.

Inoltre il fatto di usare anche un sottotitolo aiuta ad aumentare le probabilità di essere trovato. Infatti tutte le parole che compongono titolo e sottotitolo vengono indicizzate automaticamente come parole chiave e non dovrai ripeterle quando dovrai scegliere le keyword. In poche parole, è come se avessi a disposizione una keyword in più da giocarti, che non è poco!

Se non vuoi essere bloccato, attenzione! Amazon impone delle restrizioni nei titoli, come per esempio:

  • utilizzare titoli di altri o autori
  • usare un marchio commerciale
  • riferirsi alla classifica vendite (ad esempio “Bestseller”)
  • pubblicità o promozioni (ad esempio “gratis”)
  • sola punteggiatura (ad esempio “?????”)
  • solo termini come “sconosciuto”, “n/a”, “na”, “vuoto”, “nessuno”, “nullo”, “non applicabile”
  • tag HTML

Se non sai da che parte sbattere la testa e ti servono consigli per la scelta di un titolo accattivante, eccotene cinque:

  1. rifletti sul tema principale del libro e cerca di catturarne l’essenza;
  2. sii intrigante, evocativo. Niente banalità, per favore! Devi cercare di stimolare la curiosità del lettore;
  3. gioca con il linguaggio, con le parole. Scrivi su una lavagna le parole che ti vengono in mente e fai un brainstorming: prova a scombinarle, rigirarle, affiancarle, unirle. Insomma dai spazio alla creatività;
  4. considera il punto di vista del lettore. Mettiti nei suoi panni e prova a pensare cosa penserebbe, come reagirebbe. Se hai un amico che legge lo stesso genere letterario del tuo libro, intervistalo, fagli domande, cerca di entrargli in testa e capire cosa lo spinge a leggere quei determinati libri;
  5. sintetizza l’atmosfera del libro. Ogni lettore si fa catturare dalle emozioni. Prova a scegliere un titolo che aiuti a connettersi con l’esperienza emotiva del tuo libro.

Series

Questa parte ti sarà utile solo se hai scritto una collana e vuoi unire tutti i libri affinché vengano facilmente collegati e trovati. Se è il tuo primo libro, puoi tranquillamente saltare questa parte. In futuro potrai sempre modificarla.

Numero edizione

Anche il numero di edizione è opzionale. Se è il primo libro che pubblichi, o lasci il campo vuoto o puoi mettere il numero 1. Se dovesse essere un’edizione aggiornata con importanti modifiche di un libro da te precedentemente pubblicato, allora dovrai mettere 2.

Autore

Ogni libro deve avere almeno un autore. Ma anche se hai scritto tu il libro, non devi per forza inserire il tuo nome. La cosa bella è che possiamo usare uno pseudonimo, ovvero un nome di fantasia, puramente inventato.

Se ti stai chiedendo perché mai dovresti farlo, considera i vantaggi di questa scelta. Mentre mettendo il tuo nome reale ci metti anche la faccia e la tua credibilità, con uno pseudonimo hai la libertà totale di esprimerti senza essere rintracciato.

Questo espediente è usato soprattutto dai publishers che non pubblicano per la fama e la gloria letteraria, ma solo per un ritorno economico. A ogni titolo che sfornano (e solitamente ne pubblicano decine) si inventano uno pseudonimo. A loro non serve venire allo scoperto, bastano le rendite derivanti dalle vendite.

Collaboratori

In questa sezione puoi specificare meglio chi ha partecipato alla stesura del libro, o anche di una sola parte.

In particolare puoi aggiungere:

  • altri autori secondari;
  • redattore;
  • prefazione;
  • illustratore;
  • introduzione;
  • narratore;
  • fotografo;
  • prefazione;
  • traduttore;
  • contributi di.

Coloro che aggiungerai saranno visibili agli utenti di Amazon accanto al nome dell’autore.

Descrizione

Questa è una delle parti più importanti. Dopo il titolo, questo sarà il primo testo che il potenziale acquirente andrà a leggere. Questa descrizione del libro comparirà nella pagina dei dettagli Amazon ed è fondamentale per convincere il lettore ad acquistare. Hai 4000 caratteri per cercare di attirarlo, e per questo dovrai usare tutte le armi della retorica e della persuasione.

Per creare una descrizione accattivante:

  • scrivi un testo scorrevole, semplice, senza paroloni complessi o frasi eccessivamente lunghe. Niente confusione, o chi legge scapperà a gambe levate;
  • cerca di attirare l’attenzione del lettore, coinvolgilo e stuzzicalo con curiosità;
  • sii professionale, usa un linguaggio corretto, sia dal punto di vista della sintassi che grammaticale. Prima di pubblicarlo, rileggilo più volte, fallo leggere da una persona esterna o, se non ne hai a disposizione nessuno, fallo correggere da un assistente virtuale (per esempio su Correzione testi online.). Errori grammaticali presenti nel testo svalutano l’intero tuo libro, quindi presta attenzione;
  • niente muri di parole. Questo vale per qualsiasi testo. Un testo deve essere graficamente leggero, aereo, ben distaccato. Quindi vai a capo e inserisci delle righe vuote tra un paragrafo e l’altro.
  • usa la formattazione del testo. Come vedi sopra l'editor del testo puoi scegliere tra grassetto, corsivo e sottolineato. Questo ti consente di evidenziare le parole o i concetti chiave e rendere più chiaro il focus della tua descrizione. Inoltre puoi usare gli elenchi, sia puntati che numerati. Anche questi aiutano ad esprimere gli argomenti del tuo libro in maniera pulita e ordinata.
    E se vuoi apporre un titolo, hai a disposizione anche quelli, in tre formati diversi.

Nella descrizione non puoi scrivere tutto. Alcuni contenuti sono vietati.

Ecco quali:

  • Contenuti pornografici, osceni oppure offensivi
  • Numeri di telefono, indirizzi postali, indirizzi e-mail o URL di siti Web
  • Recensioni, citazioni o testimonial
  • Richieste di recensioni clienti
  • Pubblicità, filigrane su immagini o video o materiale promozionale
  • Informazioni temporali (ad esempio date di tour promozionali, seminari, o conferenze)
  • Informazioni su disponibilità, prezzi, metodi di ordinazione alternativi (ad esempio, collegamenti ad altri siti Web per l’ordinazione)
  • Anticipazioni relative ad annunci di libri, musica, video o DVD (BMVD)
  • Parole chiave o tag del libro

Stai attento se non vuoi che ti venga bloccata la pubblicazione o, peggio, l’account.

Diritti di pubblicazione

Qui la questione è una sola: possiedi i diritti di pubblicazione e di copyright?
Se hai scritto personalmente il tuo libro allora sì, in automatico detieni questi diritti e puoi spuntare tranquillamente questa casella.
Per essere il titolare di questi diritti non c’è bisogno che tu abbia registrato la tua opera alla SIAE o utilizzato altri metodi. Questo serve solo a salvaguardare i tuoi diritti in caso di plagio. Ma quando hai scritto un’opera l’acquisizione dei diritti di copyright avviene in modo automatico.

Un’opera di dominio pubblico è un opera (nel nostro caso un testo) che può essere liberamente utilizzata, anche a scopo commerciale. Ciò è possibile perché è stato superato il termine della protezione legale (i diritti di copyright). In Italia e In Europa questo avviene 70 anni dopo la morte dell’autore (in altri Paesi invece il periodo può cambiare).

Giusto per fare un’esempio: se tu volessi pubblicare un’edizione de “I Promessi Sposi” non avresti bisogno di chiedere nessuna autorizzazione agli eredi. L’opera infatti è di pubblico dominio, essendo Manzoni morto nel 1873.

Il 1 gennaio di ogni anno un certo numero di opere diventano di pubblico dominio. È una ghiotta occasione di business a basso costo.

Destinatari principali

In questo campo ti viene richiesto se nel testo interno, nel titolo o nella copertina ci sono immagini o un linguaggio sessualmente esplicito.
Se non vuoi essere bloccato in seguito, non barare.

L’indicazione dell’età di lettura è opzionale, e io sinceramente preferisco non compilarla. Non vedo il motivo per cui dovrei indicare un’età massima.
L’età minima invece può essere indicata se stai vendendo un libro per bambini o ragazzi, ma in ogni caso non sei costretto a indicarla.

Mercato principale

Come sai Amazon è statunitense ma ha suddiviso il suo business in tanti siti diversi, a seconda del paese dove vende i prodotti.

In questo campo devi decidere in quale sito vendere il tuo libro. Per l’Italia c’è amazon.it. Ma nessuno ti vieta di vendere il tuo libro in un altro mercato.

Un’ottima occasione potrebbe essere la traduzione: il tuo libro è già pronto, perché limitarsi a un mercato relativamente piccolo come l’Italia? Una volta tradotto il libro in inglese potresti inserirlo anche su amazon.com e ampliare esponenzialmente il tuo bacino di possibili acquirenti.

Categorie

Le categorie di genere vengono usate dalle librerie fisiche e virtuali per organizzare i libri e racchiuderli in categorie che orientano il lettore nella ricerca e nella consultazione.
Nel mondo vengono usati tre standard principali: il BIC, il Thema e il BISAC. Quello più usato è quest’ultimo ed è anche quello utilizzato da Amazon.
È composta da 53 categorie principali, sotto le quali, come ramificazioni, si sviluppano ulteriori sotto-categorie.

Fino a pochi mesi fa Amazon consentiva di scegliere solo due categorie, adesso invece ha aumentato il numero a tre.

Eccoti qualche semplice consiglio per scegliere le giuste categorie:

  • evita le categorie generali (come Literature & Fiction › General). Sono categorie che comprendono decine di migliaia di titoli. Inserirlo in queste non farebbe altro che disperdere il tuo titolo in un mare troppo vasto e senza nessuna specificità per gli utenti.
  • individua il tema principale del libro. Qual è la categoria di base che più si avvicina? Guarda poi i temi secondari. Durante la tua narrazione (che sia narrativa o saggistica) quali altri temi hai lasciato fiorire? A quali categorie potresti associarli?
  • non scegliere una categoria di nicchia solo perché ci sono pochi concorrenti. Ai lettori non piace essere ingannati e potresti trovarti con recensioni negative.
  • sii il più specifico possibile nello scegliere la tua categoria di nicchia. Più la categoria è piccola più possibilità avrai di salire in classifica

Parole chiave

Sono le famose keyword, elemento fondamentale per riuscire a farsi trovare.
Per individuare quelle corrette devi cambiare punto di vista. Guarda alle piattaforme di selfpublishing come Amazon (ma anche Kobo, Google Play Libri, ecc) non come a degli e-commerce, ma come a dei motori di ricerca, come per esempio Google.
La domanda che devi farti è: cosa scrive nella barra di ricerca il mio lettore ideale per trovare il mio libro? Che termini specifici usa, quale linguaggio adotta?

Ecco qualche consiglio pratico per individuare le keyword:

  • trova titoli simili per genere e argomento e osservali per bene. Anche se non puoi vedere quali keyword hanno scelto, soffermati sul testo della descrizione, può darti utili spunti.
  • apri una finestra di navigazione in incognito sul tuo browser (per non influenzare i risultati con le tue precedenti ricerche), poi vai su Amazon e digita un primo termine sulla barra di ricerca. Vedrai che sotto compariranno altri termini che seguono al primo da te inserito.
  • guarda le sezioni dei contenuti correlati. Scegli un paio di titoli di libri simili al vostro che siano posizionati bene nelle classifiche di genere. Quando sei nella sua pagina prodotto, scorri verso il basso. La prima sezione che incontrerai è “Spesso comprati insieme”. Più in basso ancora trovi “I clienti che hanno visto questo articolo hanno visto anche”.
    Queste due sezioni sono preziose per te. Ti consentono di cogliere veramente i gusti del tuo pubblico. Osserva attentamente i libri che compra e osserva e capirai chi ti trovi davanti, come ragiona e quale linguaggio usa. Segnati i termini più usati, da quelli più tecnici ai più colloquiali.
  • Dopo aver individuato cinque o più libri simili al tuo, vai a leggerti tutte le recensioni. Anche queste sono importanti perché sono lo spazio dove i lettori si esprimono più liberamente, dando sfogo ai loro pensieri, ai loro dubbi e alle critiche. Guarda su cosa si focalizzano e cosa cercano quando vanno a leggere quei libri, le loro emozioni, i loro desideri.

Nota bene: sono presenti sette slot per le parole chiave ma non significa che devi inserire solo una parola per slot. Nulla mi vieta, per esempio, di inserire in un singolo slot “storia di avventura femminile”. Sta a te, e alle ricerche che hai fatto, trovare un giusto equilibro e individuare le giuste keyword, anche di più parole.

Amazon ci indica alcuni esempi di tipi di parole chiave utili:

  • Ambientazione (America coloniale)
  • Tipi di personaggi (papà single, reduce)
  • Ruoli dei personaggi (donna con un carattere forte)
  • Temi della trama (raggiungimento dell’età adulta, perdono)
  • Tono della storia (distopico, piacevole)

Ma in realtà ci aiuta molto di più quando ci indica le parole chiave da evitare:

  • Informazioni trattate altrove nei metadati del tuo libro (titolo, collaboratori e così via)
  • Parole già menzionate nelle categorie dei tuoi libri (ad esempio Storia del XIX secolo)
  • Giudizi soggettivi sulla qualità (ad esempio “miglior romanzo”)
  • Affermazioni temporanee (“nuovo”, “in vendita”, “ora disponibile”)
  • Informazioni comuni alla maggior parte degli articoli nella categoria (“libro”)
  • Errori di ortografia
  • Varianti di spaziatura, punteggiatura, uso di maiuscole e minuscole e numero (“80GB” e “80 GB”, “computer” e “computers” e così via). Eccezione: parole tradotte in più di un modo, come “Mao Zedong” e “Mao Tse-tung” oppure “Hanukkah” e “Chanukah”
  • Qualsiasi errore di rappresentazione, come il nome di un autore non associato al tuo libro. Questo tipo di informazione può creare un’esperienza ambigua per il cliente. Kindle Direct Publishing non ammette assolutamente metadati con finalità pubblicitarie, promozionali o fuorvianti.
  • Marchi di cui non sei proprietario o che non sei autorizzato a utilizzare
  • Virgolette nei termini di ricerca. Le parole singole sono più adatte delle frasi e l’uso di parole più specifiche è da preferire a quello di parole generali. Se digiti “giallo complicato suspense”, solo le persone che digiteranno tutte queste parole troveranno il tuo libro. Per ottenere risultati migliori, digita: giallo complicato suspense. I clienti possono cercare una qualsiasi di queste parole e trovare il libro.
  • I nomi di programmi Amazon, come “Kindle Unlimited” o “KDP Select”.
  • Tag HTML

Questo elenco ci è veramente utilissimo per non sprecare preziose parole chiave. Già dai primi punti, per esempio, andiamo a escludere i metadati che hai già inserito come il titolo o l’autore, e le categorie. E anche le altre indicazione ci consentono di affinare la ricerca.

Bene, sei già arrivato a buon punto! Ora clicca su “Salva e continua” in basso a destra e passiamo alla seconda parte del caricamento.

Contenuto versione cartacea

In questa sezione scegliamo i dettagli materiali del libro e lo carichiamo. Andiamo a vedere come si fa.

ISBN versione cartacea

Se per caso non lo sai, il codice ISBN è una sequenza numerica di 13 cifre usata in tutto il mondo per la classificazione dei libri. Permette di riconoscere in modo univoco attraverso questo codice un libro o un prodotto creato per essere usato come libro (per esempio gli ebook).
Giusto per intendersi, è quel codice che viene apposto nella quarta di copertina in basso a destra.

In questo caso puoi scegliere di usarne uno rilasciato gratuitamente da Amazon, che però sarà valido esclusivamente nello store di Amazon.

Un piccolo appunto fiscale: nel caso della versione cartacea, sia che tu scelga l’ISBN fornito da Amazon sia che ne carichi uno tuo, la tassazione sarà sempre del 4%.
Discorso diverso invece per gli ebook, dove c’è bisogno di un ISBN personale per godere della tassazione del 4%, altrimenti sarà del 22%.

A te la scelta quindi! La via più veloce ed economica è sicuramente quella di scegliere l’ISBN di Amazon.
Se dovessi però optare per caricarne uno tuo, puoi comprarlo sul sito ufficiale isbn.it.

Data di pubblicazione

Se è la tua prima pubblicazione puoi lasciare il campo vuoto. Se invece avevi già pubblicato precedentemente il libro allora potrai inserire qui la data di prima pubblicazione.

Opzioni di stampa

Inizia qui la parte dove puoi scegliere le specifiche materiali di stampa.

Inchiostro e carta

Iniziamo dall’inchiostro, dove ti è possibile scegliere tra nero e a colori:

  • con l’inchiostro nero puoi stampare su carta bianca o color crema.
    Quale scegliere? Alcuni preferiscono la carta bianca per la saggistica e la carta color crema per la narrativa e la poesia. Io credo che la scelta sia puramente soggettiva. La carta color crema risulta più calda, confortante, e ho notato che affatica meno la vista. A te la scelta!
  • l’inchiostro a colori è di due tipi: standard e premium.
    I due si differenziano per la resa cromatica, la grammatura di carta utilizzata, il costo (fisso e per pagina), il numero minimo di pagine da stampare.
    Per quanto riguarda la resa cromatica in questo esempio noti la differenza:

La grammatura passa dai 74-90 g/m2 dello standard ai 88-105 g/m2 del premium.
I costi di un libro si dividono in due: un costo fisso e un costo per ogni pagina stampata. Vengono aggiornati, quindi controlla sempre il prezzo a questa pagina per fare una stima dei costi e decidere quale inchiostro usare.
Ci sono un numero minimo di pagine per usare i due tipi di inchiostro: con l’inchiostro premium è 24, con lo standard è 72.

Gabbia

Le dimensioni della gabbia sono le dimensioni del libro finale che avete impaginato. Sono espresse in pollici e centimetri. Se sei arrivato fin qui sai già le dimensioni del libro perché lo hai già fatto impaginare, quindi seleziona la dimensione corretta e prosegui.

Smarginatura

La smarginatura dipende se nel libro ci sono elementi grafici che arrivano fino al bordo della pagina. Se stai caricando un libro di solo testo non preoccuparti di questo e seleziona senza indugio “Nessuna smarginatura”.
Se invece dovessero esserci immagini che si estendono fino ai margini dovrai selezionare “Con smarginatura”. Inoltre in questo caso anche le misure della gabbia in fase di impaginazione subiranno una variazione per esigenze di taglio carta: si aumentano di 3,2 mm il bordo superiore, inferiore ed esterno.

Finitura copertina

La copertina può essere di due tipi: lucida e opaca.
La finitura lucida è brillante, più fredda al tatto e rende le immagini più intense.
La finitura opaca invece rende i colori un po’ più caldi ma meno intensi, al tatto risulta più morbida e vellutata.
Le linee guida di Amazon suggeriscono l’uso della copertina lucida per i libri per bambini e la saggistica, mentre quella opaca per i romanzi e la narrativa in generale.
Io nel corso del tempo ho testato entrambe e sono solito usare maggiormente la copertina lucida proprio perché dona una maggiore vividezza alle immagini.
Ma nel caso di copertine con pochi colori o con immagini minimaliste può essere un’ottima scelta anche quella opaca.

Testo

È giunta l’ora di caricare il testo già formattato e impaginato. Come consiglia anche Amazon, è preferibile caricare il file in formato PDF. Questo formato ha la caratteristica di non alterare l’impaginazione effettuata anche in caso di traferimenti da un dispositivo all’altro. In tal modo sarai sicuro che il tuo testo risulti così come lo hai voluto in fase di impaginazione.
Anche se Amazon ti consente di caricare anche altri formati (DOC, DOCX, HTML, RTF) il consiglio è quello di caricare sempre un file PDF.

Copertina del libro

Per la copertina del libro hai due opzioni:

  • utilizzare lo strumento di creazione copertina fornito da Amazon. Attraverso pochi passaggi ti consente di creare gratuitamente la tua copertina scegliendo tra alcuni template standard già pronti. È molto semplice da usare e forse saresti tentato anche tu. La pecca più grande di questo sistema è che avrai una copertina poco originale, probabilmente simile a centinaia di altre in giro per il web, senza nessuna coordinazione grafica, studio dei colori e dei caratteri tipografici.
  • caricare una copertina già pronta. Puoi averla creata tu o aver affidato a un grafico professionista la progettazione della tua copertina. In questo caso basta caricarlo in formato PDF e il gioco è fatto.

Contenuto generato dall’IA

Il 2023 è stato l’anno del boom dell’intelligenza artificiale, esploso prima con ChatGPT e poi su migliaia di altre applicazioni che consentono di generare contenuti testuali e grafici secondo le nostre indicazioni. Amazon non ha tardato a salvaguardarsi, questa sezione infatti è presente solo da poco tempo.
Ti viene richiesto di indicare se all'interno del tuo libro ci sono contenuti prodotti con l’IA. Non solo il testo ma anche le illustrazioni, la copertina, ed eventualmente la traduzione, e per ognuna di queste devi fornire il grado di utilizzo dell’IA. Per esempio se l'hai utilizzato solo per una revisione finale del tuo testo, o se invece il tuo testo è stato generato completamente dall’IA.

Non cercare di barare e indica esattamente cosa hai utilizzato e come. Amazon utilizza degli strumenti informatici di revisione del testo che sono capaci di individuare se uno scritto è stato generato o meno dall'intelligenza artificiale.

Anteprima libro

Una volta caricato testo e copertina (a volte ci possono volere parecchi minuti, non preoccuparti) cliccando sul tasto “Avvia lo strumento di anteprima” Amazon ti aprirà un’altra pagina dove avrai una anteprima del tuo libro in versione PDF.
Per andare oltre devi approvare questa anteprima cliccando “Approva” in basso a destra.
Prima di farlo controlla che tutto sia a posto. Lo puoi fare direttamente da quella pagina, scorrendo le pagine del tuo libro, oppure scaricando un file PDF da visualizzare a parte sul tuo computer, cliccando su “Scarica bozza in formato PDF in alto a destra.
Questa pagina ti fornisce anche un riscontro su alcuni errori che potrebbe aver riscontrato. Li vedrai sulla colonna di sinistra, e dovrai obbligatoriamente correggerli per poter procedere.

Clicca su “Salva e continua” per procedere alla terza e ultima parte.

Diritti e prezzo versione cartacea

Eccoci nella terza parte, dove impostiamo gli ultimi ritocchi e soprattutto decidiamo il prezzo di copertina.

Territori

Anche qui due opzioni.

La prima (e la più probabile) è che tu possieda i diritti di pubblicazione per tutti i territori, ovvero abbia i diritti a livello mondiale. Questo significa che consenti ai clienti di tutto il mondo di acquistare il tuo libro presso uno dei marketplace di Amazon.

La seconda opzione ti riguarda se possiedi i diritti solo per qualche paese in particolare. Selezionando “Territori indipendenti” potrai scegliere nello specifico in quali paesi consentire la pubblicazione.

Mercato principale

Nella macrosezione precedente avevi già scelto il mercato principale. Qui ne devi dare conferma. Controlla che sia quello corretto e passa oltre.

Prezzi, royalty e distribuzione

Ed eccoci a una decisione che spesso fa fiorire dubbi e perplessità: la scelta del prezzo di copertina.

Bisogna fare attenzione: un prezzo troppo basso vi lascerà dei guadagni irrisori, un prezzo troppo alto scoraggerà l’acquisto.
Il giusto equilibrio è difficile da trovare. Per individuare il prezzo corretto, in linea con ciò che proponete e con i vostri obiettivi, considerate alcuni fattori:

  • il genere: alcuni generi letterari si collocano in una fascia più alta di prezzo, come la saggistica, la letteratura scientifica e accademica, altri invece hanno sempre prezzi più bassi, come i romanzi rosa;
  • la lunghezza: seppur non sia il fattore principale, rimane comunque determinante, soprattutto nella saggistica;
  • i concorrenti: individua la fascia di prezzo media in cui si collocano i tuoi concorrenti;
  • foto e illustrazioni: soprattutto se a colori, possono concorre ad alzare il prezzo.

Non mi dilungherò qui oltre, ti rimando a questo articolo che ho scritto dove parlo in maniera approfondita di come scegliere il prezzo vincente di un libro. Non perdertelo!

In questa sezione però ti segnalo un particolare. Quando inserisci manualmente il prezzo di copertina, quello che stai inserendo Amazon lo considera senza l'IVA italiana.
Bada bene quindi che il prezzo di copertina finale non sarà quello che hai inserito tu, ma quello che vedrai aggiornato in automatico a destra di quello da te inserito.

Come vedi Amazon ti indica anche il costo di stampa, il tasso di royalty a cui il tuo libro avrà diritto, la royalty effettiva. In questo modo hai già una panoramica completa e puoi farti un’idea dei tuoi ricavi futuri.

Richiedi una bozza del libro

Arrivati a questo punto hai completato tutti i passaggi necessari alla pubblicazione. Se vuoi essere sicuro di aver fatto tutto correttamente, soprattutto a livello di impaginazione, grafica di copertina, scelta della carta, puoi richiedere una bozza del libro prima di passare alla pubblicazione effettiva.

In caso contrario clicca in basso a destra su ”Pubblica il tuo libro cartaceo”.
Amazon ti informa che possono volerci fino a 72 ore affinché il tuo libro venga approvato e pubblicato sulla piattaforma. Dalla mia esperienza ho notato che in realtà ci vuole molto meno tempo e spesso nell'arco di 24 ore il tuo libro è già pubblicato.

Congratulazioni! Se hai seguito la mia guida sono sicuro che sei riuscito ad autopubblicare su Amazon il tuo libro.

Se hai dubbi o domande o ti serve semplicemente aiuto non esitare a commentare qui sotto.
In alternativa puoi contattarmi direttamente compilando il form nella sezione Contatti.

Al prossimo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono Stefano Murari e la passione per i libri mi accompagna da tutta la vita.

Vieni a conoscermi

Categorie

Archivi

Per scrittori e professionisti che vogliono avere la libertà di autopubblicarsi con semplicità e qualità

© 2024 Stefano Murari | Privacy Policy | Brand & Web design Miel Café Design
magnifiercrossmenu