Agosto 15, 2023

Come scegliere il prezzo vincente per il tuo libro

Introduzione

Il tuo libro ormai è pronto: l’hai scritto, corretto, impaginato, creato la copertina. Hai creato l’account e ora lo stai caricando sul portale di Amazon Kdp o di Kobo, giusto per fare un esempio delle due piattaforme più famose.
A un certo punto ti verrà chiesto di indicare il prezzo di vendita.

Quando autopubblicai il mio primo libro scelsi sul momento, con molta leggerezza e poche riflessioni.

Non fare il mio stesso errore.

La scelta del prezzo deve essere fatta con attenzione. Ci sono diversi fattori da considerare, sia di tipo economico che di tipo psicologico. Ed è meglio pensarci prima per non pentirsene successivamente.

La coerenza

Il prezzo deve essere sempre coerente con il prodotto che offriamo, in particolar modo con la percezione che questo prodotto ha sui potenziali acquirenti.

Ti faccio due esempi molto concreti.

Una casa automobilistica di fascia alta, come potrebbe essere la Bmw o la Jaguar, non può pensare di abbassare troppo i prezzi. Ciò sarebbe assolutamente incoerente con l’immagine che vuole dare e con i prodotti che vuole vendere. Sono due brand che si rivolgono a clienti altospendenti, attenti ai dettagli e che vogliono acquistare quella determinata macchina anche per avere un preciso status symbol.

Lo stesso possiamo dire di Apple. Il suo prodotto di punta nella telefonia mobile, l’Iphone, viene venduto a un prezzo nettamente superiore alla media di tutti i telefoni di altre marche. Questo proprio perché vuole distinguersi dagli altri prodotti di fascia più bassa.

Per un libro vale la stessa regola.

Se sei uno scrittore che non ha mai pubblicato niente e si butta per la prima volta nel mercato editoriale puoi decidere di tenere basso il prezzo di copertina. In tal modo è più probabile che acquistino il tuo libro anche se non ti hanno mai sentito nominare.

Se invece sei un professionista che ha già un suo seguito o una sua community (per esempio su Internet con un blog, un canale Youtube, un account Instagram) puoi proporre il tuo libro a un prezzo più alto. La tua autorevolezza giustificherà e confermerà quel prezzo.

La lunghezza

Mi batto da sempre per non considerare la qualità di un libro dalla sua lunghezza.

Ho letto libri di poche decine di pagine che al loro interno condensavano una saggezza e una profondità che valeva più di mille pagine stampate. Ma lo sappiamo, la realtà è diversa.

Tutti siamo influenzati dal volume di un testo. Quando stiamo per acquistare un libro, che sia in libreria o in uno store online, andiamo a vedere sempre il numero di pagine.

In quasi tutti i casi possiamo affermare che a maggior numero di pagine possiamo far corrispondere un maggior prezzo di copertina.

Genere e concorrenti

Prenditi un’ora di tempo per farti un giro virtuale negli store online dove stai pubblicando.

Focalizzati su due aspetti:

  • il genere: non tutti i generi letterari hanno lo stesso prezzo medio di copertina.
    Per esempio nel mondo della narrativa i romanzi rosa vengono venduti a un prezzo solitamente più basso rispetto agli altri generi. E in linea di massima la fiction viene venduta a un prezzo inferiore rispetto alla non-fiction. Quindi individua il genere a cui appartiene il tuo libro, vai nella sezione relativa sullo store e prova a individuare il prezzo medio dei libri in vendita.
  • ora che sei già nella sezione relativa al tuo genere, guarda i libri più venduti e scopri chi sono i loro autori. Cercali su Google e guarda il loro curriculum: sono famosi? Hanno una loro community? Sono al loro primo libro o ne hanno già pubblicati dieci?
    Individua gli autori più simili a te, guarda il prezzo dei loro libri e cerca di stare vicino a quello.

Foto e illustrazioni

Alcuni libri sono più completi quando contengono delle foto. I libri storici per esempio, oppure le biografie e autobiografie. In questi casi le foto contribuiscono ad arricchire gli argomenti trattati.

Altri generi come i libri per l’infanzia sono corredati di illustrazioni. Tutto questo contribuisce a far alzare il prezzo di copertina.

Non solo perché probabilmente avrai investito dei soldi per far realizzare quei disegni, ma anche perché quelle illustrazioni saranno a colori e avrai bisogno di una stampa di qualità superiore. Se vai a vedere i costi di stampa di Amazon KDP (Costi di stampa dei libri cartacei) vedrai che a seconda dell’inchiostro scelto (nero, a colori standard o a colori premium) il costo di stampa varia parecchio.

Tienine conto quando decidi che prezzo dare e domandati:

  • quanto ho investito per creare quelle illustrazioni?
  • quali sono i costi di stampa reali? Per fare una previsione dei costi di stampa puoi usare il calcolatore ufficiale che fornisce Amazon qui Calcolatore di royalty e costo di stampa

Le royalties

Su Apple Books e Google Play Libri le percentuali di royalties che ricevi sono sempre le stesse (se vuoi scoprire quali leggi Quanto guadagni con il selfpublishing). Invece su Amazon e Kobo la questione è un po' diversa: a seconda del prezzo di copertina che sceglierai avrai una diversa percentuale di guadagno.

Infatti:

  • Su Amazon quando pubblichi un ebook avrai il 70% se il tuo prezzo è tra i 2,69€ e i 9,99€. Se invece è inferiore a 2,69€ (ma con prezzo minimo 0,89€) o superiore ai 9,99€ allora riceverai il 35%.
  • Su Kobo riceverai il 70% del prezzo di copertina se quest’ultimo è maggiore o uguale a 1,99€. In tutti gli altri casi (cioè prezzo inferiore a 1,99€) avrai il 45%.

Considera quindi queste fasce di prezzo quando scegli il prezzo di copertina del tuo e-book.
Quale ti risulta più conveniente?

L’effetto ancora

Quando parliamo del prezzo di un libro non possiamo definirne uno giusto e uno sbagliato. Non si può perché il prezzo di qualsiasi prodotto è una questione di percezione.

Come puoi fare allora per influenzare questa percezione?

Quando cerchi su Amazon o su altri e-commerce un prodotto che ti interessa andrai a confrontarlo con altri per vedere quello a te più conveniente. Probabilmente individuerai quello più costoso e poi guarderai gli altri più economici.

Il prezzo più costoso è considerato il prezzo di riferimento.

Ogni persona tenderà ad abbassare il prezzo fino ad arrivare ad uno alla sua portata, che rientra nel budget che aveva in mente.
Questo effetto funziona molto bene quando vediamo un prezzo sbarrato:

Il prezzo barrato negli annunci Amazon

Il processo operativo è estremamente semplice: si presenta a una persona un prezzo molto superiore rispetto a quello che sarà effettivamente il costo del prodotto in vendita.
In questo modo, la persona fisserà la sua percezione sul prezzo più elevato e crederà che ciò che sta per acquistare sia un’affare imperdibile.

La verità è che, nella maggior parte dei casi, i prezzi di ancoraggio sono falsi.
Nonostante questa realtà, la mente viene comunque ingannata.

Come applicare tutto ciò alla vendita del tuo libro?

La soluzione è semplice.

Proponi ai tuoi lettori il tuo libro in tutte le versioni possibili: e-book, copertina flessibile e copertina rigida.
Ma mentre la versione in e-book e copertina flessibile saranno al normale prezzo a cui li avresti comunque venduti, imposta il prezzo della copertina rigida molto più in alto. Così facendo la percezione degli altri due risulterà più vantaggiosa e i lettori saranno più propensi ad acquistarli.

No ai ribassi

È importante tenere sempre presente che ridurre i prezzi per disperazione o cercare una soluzione facile per aumentare i profitti è sempre un’azione errata.
Spesso ci si ritrova felici di aver concluso un numero maggiore di vendite ma alla prova dei fatti se facciamo due calcoli vediamo come i ricavi siano quasi sempre minori.

D’altro canto è corretto ridurre i prezzi se si nota che il mercato sta cambiando o se si è commesso un errore di posizionamento in modo oggettivo.

Ma una cosa è certa: non devi assolutamente svenderti.
Hai faticato, impiegato tempo e denaro per pubblicare il tuo libro. Non è giusto che ora tu lo offra a pochi centesimi.

La regola dello 0,99

Questa tra tutte le strategie è quella più conosciuta ma è anche quella che realmente funziona sempre. È stata testata numerose volte ed ha sempre portato a esiti più che positivi.

Il nostro cervello dà più valore alla cifra che legge per prima, ovvero, per noi occidentali, la cifra che si trova a sinistra. Quindi sacrificando solo un centesimo riusciamo a far percepire una netta differenza nella testa dell’acquirente. A maggior ragione se portiamo il prezzo alla decina precedente, per esempio da 50 a 49,99 o da 20 a 19,99.

Se vuoi evitare l’effetto “supermercato” e trovare una soluzione più elegante, puoi optare per ridurre un po’ di più la cifra. Potresti vendere il libro per esempio a 9,85€.

Se ti interessa approfondire il tema della psicologia dei prezzi (in generale, non solo per i libri), ti consiglio un interessantissimo articolo di Luca Fontani.

Tu hai già applicato alcuna di queste strategie? Ne conosci altre che ti hanno dato buoni frutti?
Parliamone insieme nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono Stefano Murari e la passione per i libri mi accompagna da tutta la vita.

Vieni a conoscermi

Categorie

Archivi

Per scrittori e professionisti che vogliono avere la libertà di autopubblicarsi con semplicità e qualità

© 2024 Stefano Murari | Privacy Policy | Brand & Web design Miel Café Design
magnifiercrossmenu